sabato 12 dicembre 2009

I comunisti mangiano gli arancini?

In occasione della settimana del cinema italiano a Venezia, la vostra casalinga si ritrova ancora una volta catapultata in mezzo a uno sceltissimo milieu culturale: serata con Marco Müller, Giuseppe Tornatore e gli attori protagonisti del suo ultimo film, Baarìa. La proiezione ha visto un pubblico numeroso ed entusiasta che mi chiedo cosa abbia colto del film. Ovvero, come possono i communisti cinesi aver capito qualcosa di quelli siciliani e delle lotte contro i latifondisti e la mafia? Boh. Comunque il regista è simpatico e molto alla mano, gli interpreti deliziosi, sebbene la fanciulla faccia venire più di un complesso d'inferiorità, e l'unica vera delusione è proprio MM, piuttosto scostante e interessato solo ed esclusivamente ai numerosi registi cinesi presenti a cena. Evabbé, vorrà dire che il mio prossimo capolavoro sulle etnie mong dello Yunnan lo presenterò al Festival di Cannes, tiè.

1 commento:

dede ha detto...

e fai benee: chi non ama non merita, me lo diceva sempre mia mamma